Non dirgli mai di com'è stato il sesso

Durante un rapporto siamo tutti più vulnerabili. I maschietti non fanno eccezione. Perciò, prima di muovere qualche critica o esprimere disappunto, pensateci bene. Ecco le 10 frasi da evitare.

coppia sessoÈ vero, durante il sesso spesso perdiamo il controllo. Non pensiamo più a quello che diciamo. O, al contrario, diciamo quello che pensiamo. Anche se non dovremmo. Dipende un po’ da come sta andando: se lui ci sta facendo toccare il cielo con un dito (o altro, insomma) il problema non si pone. Se invece sentiamo il bisogno di prendere lo smartphone e controllare se c’è qualche Pokémon appollaiato sulla testiera del letto, qualcosa non va. Libere di farlo, per carità, ma qualora lui dovesse accorgersene, potrebbe rimanerci molto male. L’esperta di sesso e relazione Tracey Cox ha scritto per il Daily Mail una lista di 15 cose da non dire (o non fare) mai a letto. A meno che non vogliate proprio farlo soffrire.

SÌ, MATTEO, SÌ!
Ma lui non si chiama Matteo. Ahia. Chiamarlo con il suo nome è fondamentale. Soprattutto se siete nel bel mezzo di un orgasmo che avete raggiunto pensando a qualcun altro (tale Matteo, nello specifico). Darebbe fastidio a voi, dà fastidio a lui.

AL MIO EX PIACEVA
Magari al vostro ex quella cosa lì (una a caso, decidete voi quale) piaceva particolarmente, ma al vostro lui attuale potrebbe non interessare affatto. Se così fosse, non state a rimarcare i gusti dell’ex.

È ANCORA DENTRO?
Se non lo sentite, attente. Perché mettere implicitamente in discussione potrebbe mandarlo in crisi nera. E poi, pensate che effetto vi farebbe se fosse lui a chiederlo a voi.

SORPRESA!
Dipende dalla sorpresa. Se si tratta di farvi trovare in lingerie sexy dopo una giornata di duro lavoro, ci può stare. Se invece pensate a qualcosa di decisamente più hard (club per scambisti e affini) meglio non sorprenderlo affatto, ma concordare con il dovuto anticipo.

PUOI SBRIGARTI?
Che suona un po’ come: «Finiamo alla svelta questo strazio». È necessario specificare quanto sia offensivo?

DOVRESTI ANDARE IN PALESTRA
Lui è sopra di voi, vi aggrappate ai suoi bicipiti e gli chiedete dove sia finita la tonica massa di un tempo. Una vera stilettata, specie se fatta durante il sesso. Fuori dal letto nessuna pietà, si sa. Ma dentro, fate le brave.

CHE SUCCEDE? NON TI PIACCIO?
Se lui fa cilecca, non è detto che sia colpa vostra. Anzi, quasi mai lo è. Se è venuto a letto con voi, quasi sicuramente gli piacete. Ma è probabilmente preso da altre preoccupazioni che minano la sua performance. Magari gli piacete troppo ed è preoccupato per questo, può succedere. Quindi, non prendetela sul personale.

NON FERMARTI ORA!
Succede che lui finisce prima, magari perché ha meno voglia di voi. Succede, e non potete farci nulla. Procedete a soddisfare voi stesse in solitaria. A patto che non si tratti di una costante nella vostra relazione: in quel caso, lui è un egoista. E fareste bene a parlargli. O a lasciarlo.

GIÀ FATTO?
L’altra variabile sensibile, oltre a quella delle dimensioni, è la durata. Se capita che lui si riveli un Ernesto Sparalesto, non è detto che dobbiate rinunciare al vostro orgasmo. Anche perché, spesso e volentieri, può essere più efficace un sapiente lavoretto orale. Non fategli pesare la sua rapidità (a meno che la situazione non diventi proprio insostenibile).

DEVO PROPRIO RISPONDERE A QUESTA TELEFONATA
Manco se dall’altra parte ci fosse il Papa e voi foste Paolo Brosio. Eppure, una persona su cinque ammette di averlo detto durante il sesso. Siete giustificate solo se una persona molto vicina a voi è malata o in caso di emergenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia Argomenti: Data: 17-08-2016 11:11 AM


Lascia un Commento

*