La palestra del sesso

di Giovanna Pavesi
Il battito sale, il respiro si fa affannoso. Non succede sul tapis roulant, ma sotto le lenzuola. Ma l'attività erotica può davvero sostituire l'allenamento tradizionale?

ThinkstockPhotos-101701283S come Sport. Ma anche S come Sesso. Esiste un sottile filo rosso che tiene stretti questi due pianeti nell’universo della dimensione umana: la convinzione che lo sport sia correlato al benessere fisico e che il sesso ne sia un suo derivato. Il susseguirsi di pubblicazioni, articoli e ricerche che equiparano l’attività sessuale a quella sportiva hanno scatenato convinzioni controverse.  In tanti hanno pensato, almeno una volta nella vita, che fare sesso sia un’ottima occasione per smaltire anche qualche caloria. Ma quanto c’è di vero in questo?

IL SESSO NON BASTA
Daniele Gualandri, preparatore atletico laureato in Scienze Motorie, cerca di fare chiarezza: «Non credo sia possibile sostituire l’allenamento in palestra con l’attività sessuale. Io utilizzerei invece il verbo ‘integrare’. Attualmente esistono tantissime discipline che consentono di mantenere un’alta intensità per lungo tempo. Ciò non significa che l’attività sessuale non faccia bene o non serva affatto: al contrario, durante l’atto si intensificano il ritmo respiratorio e i battiti cardiaci, segno di un’aumentata richiesta metabolica da parte del nostro organismo, e vengono rilasciati alcuni ormoni molto importanti. Il sesso può diventare un grande alleato della nostra salute, ma non è equiparabile a nessun tipo di preparazione specifica».

ThinkstockPhotos-467231825UN MUSCOLO, UNA POSIZIONE
«Non esiste, poi, una posizione più congeniale dell’altra», continua Gualandri. «In linea generale vengono sollecitati i muscoli del tronco e a seconda delle varie posizioni entrano in attività altri gruppi muscolari. Due esempi. Durante la missionaria, (ovvero l’uomo sopra, ndr), lui riesce a mantenere il proprio corpo orizzontalmente con il sostegno delle braccia: questo tipo di movimento può assomigliare ad un esercizio di Core (esercizi di rinforzo del tronco). Una donna nella posizione dell’amazzone (dove sta sopra con le ginocchia appoggiate a terra) può potenziare gli adduttori, i muscoli dell’interno della coscia. Ci sono troppi fattori in gioco per quantificare il consumo preciso di calorie. Molto dipende dalle posizioni che si assumono, dal tempo della prestazione, dai ritmi e dall’intensità».

IL RUOLO DI INTERNET
Ma gli interrogativi legati alla curiosità di chi vorrebbe un corpo tonico con poco sacrificio e tanto piacere, non sono gli unici. Tante sono le domande e i dubbi dei lettori, che consumano la loro tastiera alla ricerca di risposte.  E quindi: quanto sono realmente influenzabili le persone rispetto a questo tipo di argomento? C’è davvero chi fa sesso per dimagrire? E quando questa convinzione può diventare una vera e propria ossessione? Lo abbiamo chiesto a Francesca Zurlini, medico chirurgo specialista in psichiatria e sessuologia clinica.

ThinkstockPhotos-78778178DOMANDA: Molti considerano l’attività sessuale alla pari di un buon esercizio fisico in grado di sostituirsi alla palestra. I suoi pazienti condividono questa teoria?
RISPOSTA: Basandomi sulla mia esperienza clinica, posso affermare che l’idea dell’attività sessuale quale sostituto dell’esercizio fisico appartenga ad una modesta percentuale di pazienti. Le opinioni comuni oggi sono influenzate dai media, piuttosto che dal proprio bagaglio esperienziale ed emotivo. Questo va di pari passo alla crescente attenzione per l’aspetto fisico e al raggiungimento di utopici modelli estetici, che rischiano di allontanare le persone da quello che dovrebbe essere il reale obiettivo di una sana vita sessuale.
D: Su Internet questi argomenti collezionano numerosissimi clic.
R: Citando il mio maestro, il professor Giorgio Rifelli: «Parlare di sessualità crea sempre disordine», e dinnanzi al disordine l’uomo cerca sempre di trovare risposte in grado di dare un ordine a questo caos, fatto di tabù e miti. Per questo motivo la parola ‘sesso’ richiama da sempre l’attenzione dei lettori, incuriositi e solleticati dal mondo affascinante e misterioso della sessualità.
D: Quanto sono influenzabili le persone rispetto a un tema come questo?
Le persone sono facilmente influenzabili da tutto ciò che leggono ed apprendono in merito, nel tentativo, forse illusorio, di fare chiarezza e di sgretolare il muro di tabù, divieti, obblighi o doveri che circondano il ‘mondo sesso’.  Se a ciò aggiungiamo che spesso il web viene visto e percepito come fonte inconfutabile del sapere, risulta facile concludere che l’influenza sia alta.
dv2174002D: È possibile che l’appagamento sessuale sia amplificato dalla consapevolezza di aver bruciato tante calorie quante se ne brucerebbero facendo qualche esercizio?
R: Credo sia possibile. Ma sempre più spesso molte persone dedicano buona parte del loro tempo al calcolo ossessivo delle calorie, privandosi così del piacere del cibo e di quello fisico in generale. Nella stessa misura esistono pazienti che vivono un maggior appagamento sessuale sapendo di aver bruciato calorie, a discapito del ‘semplice’ piacere sessuale e della gioia della condivisione della loro parte più intima. Nella maggior parte dei casi si tratta tuttavia di persone affette da Disturbi del Comportamento Alimentare, da disturbi dismorfofobici o di persone oggi definite fitness addicted.
D: Esiste il rischio che il rapporto a due si riduca a un mero esercizio ginnico per migliorare il proprio aspetto fisico?
R: Si, è una possibilità, ma situata all’interno di un continuum che va dal sano al patologico. Il problema reale di un’attenzione esasperata per il proprio aspetto e per i vantaggi che un rapporto sessuale potrebbe avere sul fisico, consiste nel rischio di non guardare né vedere più il partner, ma di usarlo come uno specchio per riflettere unicamente l’immagine di sé stessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Manie&Ossessioni Argomenti: , , , Data: 06-07-2015 10:33 AM


Lascia un Commento

*