Tu chiamala, se vuoi, lingerie

di Matteo Mazzuca
In principio fu Victoria's Secret. Da quel momento la battaglia dell'intimo sexy si è combattuta sul filo. Dei centimetri e non solo. Ecco i modelli più scomodi, tra strappi, catenine e lacci intricati.

Vedo o non vedo? È la domanda su cui si basa il successo dei capi di seduzione per eccellenza e che vanno collettivamente sotto il nome di lingerie. Pizzi, guepiere, autoreggenti, bustini, reggiseni, slip, mutande, coulotte, tanga e chi più ne ha più ne metta. Ma non tutti i modelli si distinguono per buon gusto. Nella gara a mostrare il più possibile senza però mostrare tutto, qua e là si toccano alcuni eccessi che non hanno timore di sfiorare il confine con il ridicolo. La lingerie diventa quindi di volta in volta micro, sforacchiata, bucata, intrecciata o incatenata. Impensabile il loro utilizzo nella vita di tutti i giorni, ma estremo anche nei momenti più intimi e a rischio ridarola. Ecco la gallery con i modelli più bizzarri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie, Gallery, Manie&Ossessioni Argomenti: , , , , , Data: 08-06-2015 10:21 AM


Lascia un Commento

*