Vita di coppia

Ridere fa bene al sesso

Facilita l'orgasmo, stimola la fantasia erotica, aumenta le prestazioni. Ecco perchè.
Ridere fa bene al sesso. Lo dicono gli esperti.

Ridere fa bene al sesso. Lo dicono gli esperti.

Ridere fa bene e non è una novità. Giova al benessere psico-fisico, alla memoria, alla creatività e – dulcis in fundo – anche al sesso. Via libero allora a battute, scherzi, nomigloli buffi e giochi durante il rapporto sessuale. Insomma, ridici su. E se l’invito non basta a convincerti, ecco cinque buoni motivi per ridere durante il sesso e una piccola ammonizione finale.
1- FACILITA L’ORGASMO
Una ricerca della Stanford University ha dimostrato che ridere è salutare a 360°. Quando scherzi e ridi, attivi le aree del tuo cervello deputate al piacere e alla gratificazione. Esattamente le stesse che si attivano quando fai sesso. Immagina ora di coniugare le due attività e di ridere mentre fai l’amore: l’orgasmo sarebbe senz’altro potenziato e facilitato non trovi? Senza sforzi, per giunta.
2- STIMOLA LA FANTASIA EROTICA
Ridere stuzzica la fantasia, soprattutto a letto. Lo psicologo Geoffrey Miller dell’Università del New Mexico ha sottolineato come il senso dell’umorismo possa accendere la sessualità e il desiderio riproduttivo della coppia. In intimità essere creativi è importante: ricorrere alla fantasia erotica aiuta ad accendere la passione e si evita la monotonia a letto.
3- AUMENTA L’ATTRAZIONE
Se temi di risultare, ridendo e scherzando, meno attrente ai suoi occhi, sei decisamente fuori strada. Gli uomini sono attratti sessualmente più dalle donne che scherzano che da quelle col muso lungo. Parola dei ricercatori dell’Università di Stirling, che invitano il gentil sesso a prendere con ironia quello che accade anche sotto le coperte. La donna che ride appare più naturale e meno costruita e, in questo senso, più eccitante agli occhi del partner.
4-  RINFORZA L’EMPATIA
Due studiosi austriaci, Petra Weixler e Karl Grammer dell’Istituto di Etologia Urbana di Vienna, hanno registrato la presenza di una buona sintonia tra due persone quando ridono. Il meccanismo funzionerebbe anche tra due estranei che, ridendo, entrerebbero  subito in uno stato confidenziale, attraenti e curiosi di conoscersi. Quando ridiamo con il nostro partner tendiamo poi quasi sempre a imitarlo inconsciamente: enfatizziamo, simuliamo lo stesso tono di voce e ci esprimiamo con gesti e movimenti più allegri. L’imitazione è il processo base su cui si fonda l’empatia: ridere rende quindi la coppia più empatica.
5- OTTIMIZZA LE PRESTAZIONI DEL TUO LUI
Gli uomini si sentono più sicuri e a proprio agio di fronte a una donna che ride alle loro battute. Sapere di non avere una partner pesante e assillante, riduce la loro ansia di prestazione e ottimizza la performance sessuale.  Lo ha segnalato l’Università canadese McMaster: il 65% degli uomini riconosce nel senso dell’umorismo un criterio fondamentale per la scelta della propria compagna. D’altronde chi vorrebbe una donna criticona e ansiosa sotto le coperte?
COGLI IL MOMENTO GIUSTO
Meglio riderci su, quindi, che tacere senza vivacità. A una condizione però: che tu scelga il momento giusto e non perda la tua sensibilità. L’avvertimento arriva dal sessuologo Willy Pasini che invita a ponderare i modi e i tempi della risata: «Ridere nel momento sbagliato potrebbe essere interpretato come una presa in giro o una critica da parte del partner. Sono soprattutto i maschi a esserne suscettibili».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia Argomenti: , Data: 14-09-2014 09:00 AM


Lascia un Commento

*