Vita di coppia

Sesso d'estate 4 consigli per l'uso

di Lucrezia Holly Paci
Il caldo e le giornate più lunghe favoriscono la libido. Ma meglio non esagerare nelle ore più calde.
 d’estate la temperatura non è la sola a salire, anche la libido raggiunge i suoi picchi. Ma occhio a non esagerare.

D’estate la temperatura non è la sola a salire, anche la libido raggiunge i suoi picchi. Ma occhio a non esagerare.

Estate, tra sole, afa di città e aria di mare arrivano le vacanze, cala lo stress, ci si riposa e si fa più sesso Se una parte di noi va in vacanza e si lascia rapire dal dolce far nulla, l’altra, infatti, viene ravvivata dai sensi, ora più eccitati ed euforici che mai. Avete inteso bene: d’estate la temperatura non è la sola a salire, anche la libido raggiunge i suoi picchi. Perché? Innanzituitto perché il sole stimola la sessualità. La luce solare riattiva e stimola i centri ipotalamici. Nello specifico agisce sulla ghiandola pineale, sollecitando la produzione di serotonina, nota per i suoi effetti antidepressivi: l’umore migliora e anche il desiderio di stare in contatto con gli altri.
IL SOLE STIMOLA IL TESTOSTERONE
Ma non finisce qui. Secondo studi recenti, la luce solare sarebbe un toccasana anche per il testosterone, dal momento che ne favorirebbe la produzione nel corpo.
Le giornate si allungano, l’energia aumenta. Se da un lato il caldo impigrisce e determina, in un primo impatto, un calo di forze, dall’altro le giornate più lunghe limitano la produzione di melatonina, l’ormone del sonno. Il risultato? Ci si sente più carichi di energia e il sesso è tra i primi canali scelti per scaricarla con piacere.
IL SUDORE VEICOLA I FEROMONI
Anche il sudore piace. D’estate si suda di più, ma si apprezzano anche di più gli odori. Con il caldo la temperatura della pelle si alza, aumenta la vasodilatazione periferica e vengono emanati nell’aria i ferormoni, sostanze chimiche prodotte dal corpo, sensibili all’olfatto e di forte richiamo sessuale. Occhio al sudore, allora, ma senza abusare di creme, deodoranti e salviettine: d’estate al “naturale” si è davvero più attraenti.
PIÚ VEDO, PIÚ MI ECCITO
Ci si scopre di più. Vestiti attillati, corpi seminudi, muscoli e curve ben in vista. Persino qualche difetto fisico può essere eccitante. La mente fantastica, aiutata dagli occhi che ora possono guardare più a fondo e nel dettaglio rispetto al resto dell’anno. Il primo a rispondere agli stimoli visivi è il sistema nervoso parasimpatico che attiva nelle zone erogene i recettori, concentrati nel glande e nel clitoride.
LARGO AGLI AFRODISIACI A TAVOLA
È la stagione degli afrodisiaci. Che ci crediate oppure no, mangiare del buon cibo fa bene anche al sesso. E quando non occorre ricercare in lungo e in largo per assaporare piatti afrodisiaci, perché non tentare ed abbandonarsi alla tentazione del gusto? Da prediligere i frutti di mare e lo champagne. I primi richiamano i genitali femminili e attivano la produzione di ormoni ipofisari nelle gonadi; lo champagne invece stimola la fantasia ed invita al relax. Non a caso la sua spuma ricorda quella del mare da cui è nata Venere ed è ottima per la digestione.
4 CONSIGLI PER L’USO
Il caldo stimola il desiderio ma è bene seguire qualche consiglio tecnico per vivere la propria sessualità al meglio.

1- Se volete sperimentare nuove posizioni, scegliete i momenti della giornata più freschi. In alternativa coinvolgete il partner in una doccia sexy.

2-    Si al bagno e alla doccia per rinfrescarvi, no all’acqua troppo fredda: abbassa temporaneamente la temperatura corporea, ma poi fa avvertire ancora più caldo.

3-   20-22 gradi è la temperatura ideale per il sesso: a questi gradi si raggiunge la vasodilatazione ideale per l’erotismo.

4-  Fatelo in libertà ma andateci piano. Non improvvisatevi maratoneti, fate sesso con calma, evitate sforzi fisici eccessivi. L’ «Antò fa caldo», sessualmente inteso, è un buon post-it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie Argomenti: , , Data: 14-07-2014 10:36 AM


Lascia un Commento

*