EROS

Sesso oltre i tabù

Lubrificazione, rilassamento, gradualità. Così i rapporti anali regalano piacere. Parola di esperta.
Per praticare del buon sesso anale, è necessario aver raggiunto una buona complicità con il partner.

Per praticare del buon sesso anale, è necessario aver raggiunto una buona complicità con il partner.

Tabù, fantasia erotica e trasgressione. Sebbene tanti luoghi comuni siano stati sdoganati, il sesso anale rimane ancora avvolto nel mistero. La sessuologa Barbara Florenzano ha rivelato alcuni consigli utili in materia.
UNA PRATICA PIACEVOLE
«Nonostante i dubbi e i timori legati a questa forma di stimolazione, il sesso anale può essere una pratica piacevole, se si usano le giuste accortezze». Le paure più frequenti, rivela la dottoressa, sono quelle legate all’igiene e al dolore, ma sono facilmente aggirabili. La prima, con dei risciacqui di pulizia e l’uso del preservativo. Inoltre, spesso l’ano è una zona inaspettatamente pulita; la seconda tenendo a mente queste tre parole d’ordine. Lubrificazione, rilassamento e gradualità.
L’ORGASMO CON LA PENETRAZIONE ANALE
Non deve per forza piacere, ma neanche dispiacere. E alcune donne riescono anche a raggiungere l’orgasmo attraverso la penetrazione anale. Come avviene? «Bisogna sapere che la zona dell’ano, oltre a essere più stretta, da cui derivano sensazioni più intense per entrambi, è anche riccamente innervata. Può essere molto piacevole, addirittura fino all’orgasmo, se viene praticata la giusta stimolazione in un contesto erotico adeguato», precisa Barbara Florenzano. Le suggestioni di questa posizione, «non riportano solo a una fantasia di sottomissione, che comunque è comune a molte donne, ma anche a quella di una sessualità primordiale, animalesca, istintiva. E poi infrangere un tabù regala spesso e volentieri caldi brividi di eccitazione».
LUBRIFICAZIONE UGUALE PIACERE
È bene tenere a mente che «una buona lubrificazione è fondamentale per provare sensazioni piacevoli. L’ano, a differenza della vagina, è una zona più asciutta. Usate, dunque, lubrificanti a base d’acqua: vi aiuteranno a ridurre l’attrito della penetrazione, rendendo la stimolazione più fluida e confortevole». Importante anche adottare un atteggiamento disteso: «Ciò che potrebbe rendere il sesso anale doloroso, solitamente, è la tensione che porta a una contrazione della muscolatura. Per eliminare questa sensazione, contraete ancora di più la muscolatura perianale, e poi rilassate. Vi aiuterà sia a distendere la zona sia a prenderne consapevolezza».
ADOTTARE IL GIUSTO ATTEGGIAMENTO
Non sottovalutate nemmeno l’atteggiamento – vostro e del partner – col quale vi approcciate a questa pratica. «È importante che vi sentiate a vostro agio. Quindi, non forzatevi a fare qualcosa per cui non vi sentite ancora pronte. Giocate, concedetevi lunghissimi preliminari». Dedicatevi innanzitutto a voi stesse, ribadisce la Florenzano: «Datevi all’esplorazione, magari durante l’autoerotismo. Vi aiuterà sia a sfatare personalmente alcuni falsi miti, come quelli sulla sporcizia e il dolore, sia a capire come reagite a questa forma di stimolazione, che effetto fa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie, Uomini Argomenti: , , , Data: 03-07-2013 01:01 PM


Lascia un Commento

*