SEX & THE SPREAD

LA PRECARIETÀ DEL LAVORO E DEI SENTIMENTI

di Francesca Amé
Dificoltà di comunicare, di rendersi autonomi. E poi di affrontare la vita di coppia. Colpa della crisi ma non solo.
La precarietà del lavoro dei giovani ha ripercussioni anche sulla stabilità della coppia.

La precarietà del lavoro dei giovani ha ripercussioni anche sulla stabilità della coppia.

L’amore ai tempi dello spread è precario per definizione. Sempre in scadenza, fuori tempo, o troppo tardi o troppo presto, altalenante come gli indici di borsa, insoddisfatto come il nostro conto corrente.
Come fare a sopravvivere? Consigliamo la lettura del semiserio manuale di sopravvivenza per coppie contemporanee scritto da Alessia Bottone, fresco fresco di stampa : il suo Amore ai tempi dello stage (Galassia Arte, pp. 106, 9 euro) è un omaggio al cosiddetto ‘precariato sentimentale’ cui sono condannati i 30-40 enni di oggi.
COLPA DELLA CRISI MA ANCHE DELLE (TROPPE) ASPETTATIVE
Se l’Istat ha definisce le coppie italiane «fragili», capaci di andare in frantumi più spesso che in passato, il motivo è tutto della crisi economica che stiamo vivendo? Forse, ma non solo. Il sex and the spread che subiamo, quotidianamente, sta tutto nella differenza, sempre più marcata, tra le aspettative di lui e quelle di lei. Marte e Venere sono più distanti che mai. E’ così che la vede Alessia Bottone, classe 1983, autrice di un’appassionata lettera contro il precariato giovanile diretta all’allora ministro Elsa Fornero che fece il giro dei quotidiani. Oggi Alessia è apprezzata blogger e opinionista su La7: ci avvisa che il precariato è entrato nel Dna delle coppie contemporanee.
UNA COMUNICAZIONE SUPERFICIALE
Abituati a contratti a termine, a orizzonti sempre più brevi, intossicati da una comunicazione ‘liquida’, dove un tweet di 140 caratteri può cambiarti la giornata (nel bene e nel male), siamo diventati più diffidenti con i rapporti a lungo termine. Del resto la stessa Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani – che si occupa di separazioni e divorzi – lo dice da tempo: la coppia italiana non gode di buona salute.
LA COPPIA “SCOPPIA”
Stando ai dati più recenti, pesano per il 30% dei casi di matrimoni scoppiati le ingerenze della famiglia d’origine, quelle della suocera soprattutto, ma anche un mutato approccio ai legami di cuore, ovvero la paura, il terrore, di guardarsi negli occhi e dirsi «per sempre» ( con conseguente crollo dei matrimoni in bianco, in chiesa). Ai tempi dello spread sta crescendo una generazione precaria nel lavoro e anche nei sentimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia Argomenti: Data: 16-05-2013 02:05 PM


Lascia un Commento

*