NOVITÀ

L'amore è a portata di touch

Indumenti intimi firmati Durex Fundawear. Con un sensore. Che simula il tocco del partner.
Gli indumenti intimi realizzati da Durex Australia sono in grado di riprodurre il tocco del partner.

Gli indumenti intimi realizzati da Durex Australia sono in grado di riprodurre il tocco del partner.

La tecnologia è entrata con prepotenza nella quotidianità. E la camera da letto non fa eccezione. Esistono decine di applicazioni per smartphone concepite per trovare l’anima gemella e affinare le proprie tattiche seduttive magari un po’ arrugginite. L’era 2.0 ha riscritto le regole dell’amore, venendo in aiuto dei più timidi e dei meno coraggiosi in fatto di avances.
NON ABUSARE DELLA TECNOLOGIA
Sebbene ci siano grandi vantaggi, non bisogna abusare dell’hi tech: è stato infatti dimostrato che la presenza  – a volte fuori controllo – di tablet, cellulari e pc allontana la coppia. E spegne la libido. Meglio, dunque, ristabilire le priorità. Fatte le dovute premesse, l’ultima frontiera del sesso virtuale ci porta direttamente in Australia.
BIANCHERIA VIRTUALE
L’azienda Durex ha messo a punto un rivoluzionario prodotto in grado di eliminare le barriere spaziali, facendo sentire i partner più vicini. Nel senso letterale del termine. Se è vero che gli strumenti moderni – Skype e Facetime in primis – consentono di azzerare la lontananza, manca sempre qualcosa: il tocco. Ecco allora che la ditta specializzata nella produzione di oggetti legati alla sfera sessuale ha inventato biancheria intima – per lui e per lei – che trasmette il tocco con la complicità di un’applicazione per smartphone.
IN FASE SPERIMENTALE
La linea di abbigliamento underware griffata Durex Fundawear è ancora in fase sperimentale e molti osservatori ritengono che sia solo una campagna di viral marketing più che un’innovazione tecnologica che troverà un mercato nel futuro. 

Nonostante ciò, è interessante capire il funzionamento di questi nuovi capi: sono dotati di sensori che vibrano nelle parti intime simulando il tocco di un dito che potrebbe trovarsi dall’altra parte del mondo. Il tutto è possibile perché i sensori rispondono ai comandi di una speciale applicazione installata sullo smartphone della coppia che riproduce il gesto – via wireless – che avviene sullo schermo in un particolare punto dell’indumento del partner.
DUE KIT IN PALIO
Se siete curiose e avete voglia di provare in anteprima questa neonata diavoleria sessual tecnologica, potete andare sulla pagina Facebook della Durex e partecipare al contest per vincere due kit. L’idea di Durex Australia è solo una dei possibili scenari del cosiddetto hi-tech wearable, indumenti tecnologici indossabili, che vanno dai Google Glass – gli occhiali a realtà aumentata del colosso di Mountain View – al probabile iWatch di Apple e agli orologi smart già nei progetti di Microsoft.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie Argomenti: , , , Data: 30-04-2013 12:04 PM


Lascia un Commento

*