LOVE LIFE

La giornata perfetta ha 106 minuti di sesso

di Margherita Gamba
Incontri hot e felicità vanno a braccetto. Lo dicono uno studio e un algoritmo.
Il sesso migliora la quotidianità.

Per essere davvero soddisfatti della nostra vita dovremmo dedicare più tempo della nostra giornata al sesso.

Spesa, figli, lavoro, amiche. Le incombenze quotidiane non vi lasciano respirare e avete i minuti contati per il sesso? Male, molto male. Perché per essere veramente felici dovreste dedicare all’attività sotto le coperte un tempo specifico.
UN ALGORITMO PER LA FELICITÀ
Secondo due studiosi, Sebastian Pokutta dell’Università Jacobs de Brema e Christian Kroll della Georgia Tech, prendendo in considerazione tutte le attività giornaliere, esiste l’algoritmo del benessere estremo. Da questa convinzione è nato un metodo vero e proprio, il DRM o Day Reconstruction Method, che scompone le 24 ore di una giornata e determina, in base a impegni e gusti, quanti munuti dovremmo dedicare a ciascuna per essere davvero soddisfatti.
DEDICARE 36 MINUTI AL LAVORO
Nella ricerca sono state coinvolte 909 donne, interrogate sull’indice di gradimento delle diverse attività che svolgono quotidianamente, tenendo conto di una giornata di 16 ore (sonno escluso) e ne è emerso che, per raggungere il non plus ultra del piacere, dovremmo spendere 36 minuti al giorno a lavorare, 106 a fare sesso, 82 ad amici e conoscenti, 75 a mangiare. Si passa poi allo shopping, a cui dovremmo riservare 56 minuti, e alle faccende domestiche (47).
SOLO SETTE MINUTI PER GLI INTERESSI PERSONALI
Ma la realtà è tristemente lontana da questa formula magica: le proporzioni reali ci dicono che dedichiamo 244 minuti – come minimo – alle attività lavorative e appena sette agli interesse personali. Che il sesso faccia bene è ormai appurato. Una ricerca scientifica effettuata dall’Università di Canterbury, in Nuova Zelanda, ha mostrato infatti che l’eros, più di ogni altra cosa, ha ripercussioni benefiche sulla serenità della coppia e della famiglia.
BERE DEL BUON VINO PER ESSERE FELICI
Al secondo posto si piazza il bere: in compagnia, una bottiglia di buon vino è sempre piacevole. Secondo lo psicologo Carsten Grimm, che ha condotto lo studio, a seguire questi primi due fattori c’è semplicemente il «fare festa»; mentre il prendersi cura dei figli scende al quinto posto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie Argomenti: , Data: 19-04-2013 05:08 PM


Lascia un Commento

*