SEX & THE SPREAD

Spectatoring, ovvero l'ansia da prestazione anche delle donne

di Francesca Amé
Incertezze quotidiane, insicurezza nelle relazioni, scarsa autostima. Le cause di un disturbo sempre più diffuso. A letto.

Spectatoring è il nuovo nome dell'ansia da prestazione, che colpisce sempre più anche le donne.

Si chiama spectatoring e non è una propria una bella cosa. Stando a quanto emerso nell’ultimo congresso della Federazione italiana di sessuologia scientifica, l’amore ai tempi dello spread soffre, sotto le lenzuola, di ansia da prestazione. Roba solo per gli uomini? Purtroppo no.
UN PROBLEMA (PURTROPPO) ANCHE AL FEMMINILE
Secondo gli esperti, nell’ultimo periodo le “quote rosa” su questo fronte sono aumentate, tanto che a questo disturbo è stato dato un nome, lo spectatoring, proprio per declinarlo meglio al femminile. Sebbene le caratteristiche fisiologiche tra uomo e donne siano evidenti, le conseguenze della “cilecca” a letto sono simili. Ovvero: disagio, insoddisfazione, frustrazione.
UN PROBLEMA DI AUTOSTIMA, MA NON SOLO
Lo stress dei rapporti contemporanei, l’insicurezza nel lavoro che comporta a una minore autostima, la difficoltà ad avere spazi adeguati (la maggior parte degli under 35 italiani vive ancora con mamma e papà) sono tutti fattori che inibiscono una sana vita di coppia. E una sana vita sessuale. Alle donne capita, in particolare, che l’insicurezza, l’ansia, la paura di non essere all’altezza, porti alla sensazione di osservare la propria “prestazione sessuale” dall’esterno anziché viverla in pienezza.
LA SENSAZIONE DI ESSERE SOTTO ESAME
Spetcatoring vuol dire proprio questo: diventare spettatrice di sé, anziché attrice in prima fila. Significa osservare dal di fuori e giudicare quasi fosse un film, in modo asettico, il proprio amplesso durante l’atto amoroso, con l’immediata conseguenza di perdita di trasporto, coinvolgimento, passione, relax.
L’amore ai tempi dello spread  – e del sesso molto più mostrato che agito: ricordiamo che Milano e Roma sono tra le città al mondo ai vertici per numero di accessi al sito Youporn – è diventato insicuro, nervoso, stressato. Intendiamoci, lo dicono anche gli esperti, l’ansia da prestazione c’è sempre stata, negli uomini e nelle donne. Ma se si trasforma in uno dei pochi ambiti in cui queste ultime ottengono le pari opportunità, forse dovremmo cominciare a preoccuparci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia Argomenti: , , Data: 25-02-2013 10:22 AM


Lascia un Commento

*