HARD

La fantasia (sessuale) ci divide

di Simona Peverelli
Mettersi d’accordo sotto le lenzuola non è facile. Perchè le voglie non sempre coincidono. Anche se...
Non sempre è facile trovare un accordo sotto le lenzuola.

Non sempre è facile trovare un accordo sotto le lenzuola.

Lontani anni luce l’universo maschile e quello femminile, anche sotto la voce ‘fantasie sessuali’. Secondo uno studio condotto dall’Università di Granada, i sogni erotici delle due metà sono molto diversi. Tanto per cominciare, tra i 2250 intervistati, spagnoli dai 18 ai 73 anni con alle spalle una relazione sessuale di almeno sei mesi, le donne tendono a immaginare situazioni particolari quasi sempre con un solo partner, mentre gli uomini fanno fantasie di tipo ‘esplorativo’, pensando a due o più persone contemporaneamente, oppure a un’esperienza scambista. Che i maschi, poi, ci pensassero molto più spesso del gentil sesso, lo sapevamo, ma che tutti e due, almeno una volta nelle vita, fantasticassero esperienze sessuali ‘hard’ giunge nuovo all’orecchio, e secondo la ricerca spagnola sono l’80% degli intervistati.
FANTASIE FUORI DALL’INTIMITÀ
I due gusti, però, non coincidono neanche qui. Se la maggior parte delle donne ha sognato di essere costretta ad avere un rapporto, gli uomini hanno immaginato un incontro omosessuale: «Naturalmente», ha spiegato Vieri Boncinelli, professore presso il master in Sessuologia clinica dell’Università di Pisa, «questo tipo di pensieri fa parte della categoria di fantasie che vengono tenute fuori dall’intimità, e che quindi non vengono mai messe in atto. Un altro tipo di fantasia, invece, è detta preconsumatoria, cioè quella che viene attuata e che sostiene il rapporto».
MA IL PUNTO D’INCONTRO C’È
Sul fatto che siamo diversi, insomma, non ci piove. Ma allora è possibile trovare un accordo sotto le lenzuola? «Il punto di incontro c’è», ha assicurato Boncinelli, «perché tutte le fantasie che si possono confessare, anche se diverse da quelle del partner, se vengono condivise e concretizzate stimolando la vita di coppia. Le fantasie estreme che non vengono né dette né messe in atto, invece, contribuiscono comunque ad aumentare il desiderio, anche se rimangono semplici sogni».
NO AI SENSI DI COLPA
«Perfino le fantasie più impensabili», ha aggiunto il professore, «come l’idea di alcune donne di avere un rapporto con un vampiro mentre vengono vampirizzate, sollecitano la sintonia sessuale, anche se restano solo pensieri». Ma tutti questi sogni, non vi faranno sentire un po’ perverse? «È più facile che la donna si senta ‘sporca’ quando fa questi pensieri, ha concluso Boncinelli, «a causa di molti fattori culturali che la inquadrano come madre e moglie perbene, e che la portano a reprimere questo tipo di istinto. Invece non bisogna mai avere il senso di colpa, perché dell’erotismo non ci si deve vergognare». Per cui, mai sentirvi ridicole, se un’immagine indecente vi passa per la testa. Perché, se vale il detto ‘sognare fa bene alla mente’, possiamo dire ad alta voce che fantasticare fa bene al corpo, nell’intimità di coppia ovviamente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Publicato in: Coppia, Fantasie Argomenti: Data: 10-10-2012 05:54 PM


Lascia un Commento

*